fbpx
  • Via F. Cassiani, 121 - Spezzano Albanese (CS)

NISTAGMO: COS’È E COME SI PUÒ TRATTARE.

Vi è mai capitato che uno o entrambi gli occhi “decidessero di andarsene per conto loro” indipendentemente dalla vostra volontà? Se vi è successo, è probabile che soffriate di nistagmo.

Ma di cosa stiamo parlando? Il nistagmo è un disturbo visivo che si verifica con dei movimenti rapidi, involontari e ripetitivi degli occhi, dovuti primariamente a un malfunzionamento delle aree cerebrali che controllano il moto oculare. I movimenti compiuti dal nistagmo vanno da un lato all’altro, ma potrebbe capitare che gli occhi oscillino anche in modo circolare o dall’alto verso il basso.

Le caratteristiche del nistagmo sono diverse, ma possono variare in base ai soggetti. Quella che però contraddistingue quasi tutti i casi, è una visione ridotta o limitata.
Le cause da ricercare per questo disturbo sono molteplici e, a seconda della causa, si distinguono diversi tipi di nistagmo:

  • Nistagmo patologico, può essere congenito (presente fin dalla nascita, con disturbo lieve e non progressivo) o acquisito (si sviluppa nel corso degli anni in conseguenza a gravi condizioni di salute come, per esempio, traumi cranici e sclerosi multipla, oppure in seguito all’utilizzo di pesanti farmaci come sedativi o antiepilettici).
  • Nistagmo fisiologico, presente nei soggetti sani e provocato dal riflesso vestibolo-oculare che stabilizza le immagini sulla retina durante un rapido movimento della testa. A sua volta, questo tipo di nistagmo si suddivide in optocinetico (relativo all’occhio e ad alcune sue patologie come la cataratta, lo strabismo, il glaucoma, l’albinismo e alcune condizioni della retina), vestibolare (relativo al labirinto, ossia all’orecchio interno che gestisce l’equilibrio e che consente di percepire il movimento/posizionamento spaziale) o dissociativo (relativo ai movimenti dei due occhi che però hanno ampiezze differenti).  

Oltre agli scatti involontari degli occhi, che possono seguire diverse traiettorie a ritmi alternati, altri sintomi associati al nistagmo sono la sensibilità alla luce, perdita dell’equilibrio o vertigini, difficoltà a vedere nel buio, problemi visivi in generale, assunzione di posizioni anomale della testa (in quanto alcune persone vedono meglio/peggio in base a come posizionano il capo), oscillopsia (ossia percezione oscillante e instabile del campo visivo).

In caso di uno o più campanellini d’allarme, è bene farsi visitare al più presto da un oculista in modo da capire prima di tutto di che tipo di nistagmo si soffre e se, eventualmente, è da associare ad altre patologie. Oltre a una visita oculistica completa, si può riscontrare il nistagmo anche tramite un esame dell’orecchio (tra cui un test dell’udito), un esame neurologico, risonanza magnetica e temografia computerizzata dell’encefalo.

Esistono diverse cure per il nistagmo, così come svariati trattamenti che possono limitarne i disturbi. Scopriamo quali:

  • Occhiali e lenti a contatto supportano la funzione visiva e dovrebbero essere indossati per correggere altri problemi visivi paralleli.
  • Ausili per ipovedenti, come caratteri grandi, materiali ad alto contrato, buona illuminazione e dispositivi zoom.
  • Interventi occasionali sui muscoli oculari per alterarne la posizione in modo da ridurre l’entità della patologia, sebbene non consistano in una soluzione permanente.
  • Assunzione di alcuni farmaci, benché il loro uso è limitato a causa degli effetti collaterali che potrebbero insorgere.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*